Il prologo

Il bluff

Il gioco d’azzardo

I giocatori

Sono sempre stato un grande appassionato di cinema, quindi appena si è presentata l’occasione non ho avuto nessun dubbio e ho deciso di fare un film che ho intitolato :“Film di notte”!

Il film è un omaggio non tanto al cinema, quanto all’idea di fare cinema! Girato in soli otto giorni tra l’Italia,a Milano , e la Francia,in Savoia (Chambéry, Barberaz, Apremont e Challes-les-Eaux) è stato realizzato con pochissimi mezzi  e con un budget che definire ridicolo sarebbe quasi un’offesa nei riguardi della fantasia :solo le spese vive per il vitto,l’alloggio e i viaggi di tutta la mia improbabile troupe cinematografica! L’idea di fare questo  film è stata un’autentica follia passionale e visionaria…un sogno che si può realizzare in un solo modo:svegliandosi!

Si possono fare molte cose per incoscienza,anche,e soprattutto nel mio caso,un film! Ora sarebbe troppo lungo spiegare,ma credetemi,tutto nasce attraverso un bluff che simpaticamente e senza nessuna malizia,ho fatto e organizzato con un signore francese che lavora nel mondo del cinema,al quale, ho proposto un film,il mio, che avevo appena terminato!?La risposta,non solo,è stata un si,ma con in più  una sua proposta di far partecipare il film ad un Festival di cinema come opera prima!Il solo piccolo problema di tutta questa faccenda è che non c’era nessun film e avevo solo due mesi di tempo per cercare di non perdere questa occasione e soprattutto la faccia!

E quì comincia il gioco e come in ogni gioco,le possibilità di vincere o di perdere corrono tutte sullo stesso filo!Ho cercato in tutti i modi di trovare un po’ di soldi per girare il film,ma come era lecito aspettarsi non ci sono riuscito: quando si ha a che fare con una scommessa di questo genere le possibilità di vincerla sono praticamente inesistenti!Ma una cosa l’ho trovata e credo sia la più importante e cioè la disponibilità e la voglia di fare di tutte quelle persone che si sono messe in gioco e senza nulla pretendere, hanno partecipato al film,e ognuna a proprio modo ne ha permesso la realizzazione!Tutto ciò è stato fondamentale…formidabile!


Dove c’è un gioco,principalmente d’azzardo ,ci sono sempre dei giocatori disposti ad affrontare qualsiasi rischio con la più disarmante naturalezza!E’ stato soprattutto grazie al loro talento,tanto temerario quanto funambolico,a far si che questo mio progetto si trasformasse in un film!Innanzitutto Elizabeth Boudjema che ha reso possibile tutto ciò che sembrava impossibile!..Gli attori protagonisti:  Evelina Primo,Tony Rucco,Daniele Lucca e Gianni Lamanna che con la loro partecipazione decisiva, insieme a Nello Cioffi,l’aiuto-regista e ai tecnici Andrea Cuscuna e Fabrizio Porcellati hanno saputo formare un’equipe formidabile e di grande livello.

Determinante è stata anche la collaborazione con Fidia Film che ha sostenuto,in alcune fasi della post-produzione,questo progetto.Infine tutte quelle persone che hanno partecipato a questa avventura cinematografica  e soprattutto quelle che nel film vengono citate come “i protagonisti per caso” che pur non essendo  mai state davanti ad un obiettivo di una camera da presa hanno centrato esattamente “l’obiettivo del film”.In un qualche modo hanno reso nobile questo film con  la loro passione e la loro disponibilità…

L’epilogo

”Film di notte” è la mia prima opera cinematografica e per quanto mi riguarda la considero un piccolo miracolo viste le possibilità e i mezzi che ho avuto per realizzarla!Certo tutto è discutibile e sotto il profilo del gusto ciascuno di noi avrà il proprio giudizio su questo film,ma una cosa è certa,un film esiste ad una sola condizione: bisogna farlo!

Per terminare,com’è in uso in queste occasioni,vorrei  esprimere la mia gratitudine alla Francia che puntualmente mi accorda la propria fiducia e per tutte le chances che miaha dato e non solo nel campo cinematografico!Vorrei ringraziare gli attori e i tecnici italiani e tutti quei francesi che ci hanno voluto bene ed aiutato durante la lavorazione del film! Chapeau!

Infine vorrei fare un ringraziamento particolare a  tutte quelle persone che con gentilezza, sarcasmo, supponenza o solamente per disattenzione non hanno creduto in questo progetto, secondo loro irrealizzabile. È proprio grazie a loro che sono riuscito a trovare la forza, la costanza, la certezza e quindi la convinzione che questo progetto avesse tutte le caratteristiche di un sogno! Ed è quindi a loro che dedico questo sogno... io volevo fare solo un film!

Roberto Sironi

L'artista

e il Cinema

Due parole   del regista

   home page         sommario            musica            pittura        letteratura        cinema         teatro             blog           links           contatti          scaricare .pdf